Lo specialista del pulito

Cani e animali domestici umanizzati, gli escrementi vanno raccolti

pubblicato il 17 10 2014 | Comments 0

 

Ci tengo a sottolineare che per me gli animali sono belli e cari ma sono animali, andrebbero trattati come tali e quando vedo scene  tipo vestitini, croccantini, patatini, cosmesi canina e felina, la donna che cammina davanti all’uomo tipo a distanza di sicurezza, con due o tre cani al guinzaglio, e nel migliore dei casi, solo uno ma molto grosso, che se parte si trascina la malcapitata lungo il marciapiede senza pietà e poi a dire: tanto poverino è un cane non lo ha fatto apposta, mi crescono i capelli e metto mano alla fondina.

 

Non vorrei poi scoprire che tutte queste moine per gli animali e se si tratta di dare una mano al vicino di casa, non esiste gli sguardi sono tutti per il cane o il gatto, oppure se c’è da accudire i vecchi genitori li abbandonano nelle case di riposo.

 

Non sarebbe meglio meno cani e gatti e pitoni e tartarughe e pesci e furetti e tigri e topini e pappagalli e uccellini e un po più di attenzione alle persone con i pregi e i difetti che le contraddistinguono ma con il dono della parola e che spesso hanno sbagliato per noi, come nel caso dei genitori, per farci crescere e non per regredire.

 

Il problema  è che nel tentativo, egoistico, di umanizzare gli animali si prendono i nostri pregi e i nostri difetti, di conseguenza se noi saremo dei rompi coglioni è facile che lo diventi anche il nostro cane.

 

ART. 10. Tutela dell’igiene urbana e dagli animali molesti.
 
Chi conduce un cane in area pubblica, ed in particolare su marciapiedi, piazze, sedimistradali, ed in tutte le aree verdi aperte al pubblico, deve essere sempre munito di paletta e sacchetto per la raccolta di escrementi o di altra idonea attrezzatura per rimuovere le deiezioni del proprio cane ed assicurarne la rimozione.
 
2. Chi detiene animali nelle abitazioni private, stabilimenti, negozi, magazzini, giardini e
cortili deve garantire che non disturbino la quiete pubblica, specialmente durante la notte.
 
3. Gli agenti di polizia municipale contesteranno l’eventuale violazione al detentore
dell’animale, obbligandolo con formale diffida ad attuare tutti gli accorgimenti idonei ad evitare
che l’animale continui a disturbare la quiete pubblica.
 
 
4. Qualora dopo la diffida continuino le molestie, si provvederà con ordinanza sindacale
contingibile ed urgente al sequestro dell’animale ed al suo trasferimento presso una struttura di
accoglienza autorizzata, con spese a carico del detentore.
 

 Il pulito ci rende più felici

 

Copyright © 2014 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Cinguettii – Il canto ripetuto di un uccello – Twitter –

pubblicato il 14 10 2014 | Comments 0



Condividi:

Le bugie hanno le gambe corte, ma se si tratta di fare soldi si allungano come il naso di pinocchio

pubblicato il 10 10 2014 | Comments 0

 

In qualche maniera ci si deve sfogare e oggi è il giorno buono.

 

Le informazioni sul traffico e le previsioni del tempo dovrebbero essere tolte da qualsiasi organo d’informazione o almeno raccolte su un sito internet, che se uno proprio non può farne a meno clicca e si legge tutto quello che vuole sapere sul nulla assoluto fino a farsi portare via da un buco nero.

 

Si perché quando rientro a casa la sera, non mi interessa di sapere se nel tal posto o nel tal altro si è divelto un tombino per una bomba d’acqua oppure ci sono in atto lavori sulla carreggiata tal dei tali, oppure farmi salire la febbre dicendomi che non ci sono più le stagioni di una volta.

Di una volta quando ?

 

Per il traffico non lo so ma per le previsioni meteo, mi sembra tutta una barzelletta soprattutto da quando seguo Piero Vietti e Guido Guidi che cercano a loro modo di raccontarci le cose come stanno.

 

Uno degli articoli apparsi proprio su Climatemonitor di Guido Guidi mi ha dato lo spunto per il mio sfogo di oggi, “L’atmosfera è da pulire, ma non si trova il detersivo!” Bellissimo mi sono detto e allora perché non far girare la voce.

 

La confusione nasce dai continui dibattiti sulla CO2 che immancabilmente e per comodità catastrofistica continua a cambiare nome e pericolosità, tutto per creare confusione e terrore ma soprattutto per fare soldi.Ultimamente si è trasformata in smog che dovrebbe essere una cosa visibile e non invisibile come la CO2 e proprio per questo sarà difficile trovare il detersivo e lo straccio adatto, senza poi parlare della scopa.

 

Forse si potrebbe affittare quella della befana.

Copyright © 2014 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Se vuoi bere la birra buona deve essere pulita

pubblicato il 26 09 2014 | Comments 0

Foto di beerblog

 

Industriale, artigianale o agricola basta che sia pulita.

Definizioni che uso tanto per intendersi perché come scrive Matteo Zamorani Alzetta nel suo libro “Il racconto della birra” edito da Vallardi, è difficile dare delle etichette precise a questa bevanda fatta di cereali, acqua, luppolo e lievito.

 

Scopro molte informazioni per gli appassionati spinti della birra, chiamati “beer nerd” o “beer geek”, ma anche per me che la birra la bevo soprattutto nei periodi caldi e che nel bicchiere ricerco la freschezza e la leggerezza di un soffio di vento che mi tolga l’arsura.

 

Mi ha illuminato sui metodi di produzione, naturale, alta e bassa fermentazione e sull’esistenza di un locale di Nembro, poco distante da casa mia, che non mancherà di essere visitato e quindi meta di una fresca bevuta.

 

Verso la fine del libro spiega un argomento a me caro visto che riguarda il mestiere che frequento da venticinque anni.

 

Difficilmente se ne parla ma in tutte le attività quotidiane è presente, e ci migliora la vita anche se non ci facciamo caso, diamo per scontato il fatto di essere circondati di profumi e pulito ma solo quando respiriamo odori sgradevoli o capitiamo in un locale sporco ci rendiamo conto della diversità che a mio parere è abissale in quanto il pulito ci rende felici o quantomeno aiuta ad esserlo.

Vorrei vedere se uno anche positivo di natura dovesse vivere in un ambiente maleodorante, sporco e disordinato se riuscisse a trovare la felicità anche se fosse circondato da muse ispiratrici.

 

Provate a vivere in una casa sporca e disordinata, (anche il disordine equivale a sporco), provate a lavorare un un ufficio dove i bagni non sono curati e ben profumati e poi tirate le conclusioni.

Vogliamo esagerare, anche l’ordine e l’architettura di un territorio possono trasmettere la positività (pulito) oppure essere deprimenti (sporco).

Vedere dove sono cresciuti Larry Page e Sergey Brin, i creatori di Google e Mark Elliot Zuckerberg creatore di Facebook per tirare le conclusioni.

Ma veniamo al punto

 

Scrive Matteo “La riuscita di una buona birra dipende dalla pulizia e dalla sanitizzazione di qualunque cosa entri in contatto con il mosto. Con il termine pulizia si intende la rimozione di materiale organico dalla strumentazione e dalle attrezzature mediante l’impiego di detergenti. La sanitizzazione si occupa invece di eliminare la maggior parte di agenti patogeni, come batteri e lieviti selvaggi”.

Copyright © 2014 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Newsletter

Ecoitalia evolution s.r.l. Via Roma, 9 24020 Songavazzo BG PI 03781370162 CF 03781370162 Tel.3487919400 | [javascript protected email address] || privacy | credits
Twitter widget by Rimon Habib - BuddyPress Expert Developer