Lo specialista del pulito

Ordine e Pulizia con la Bioarchitettura 2/2

pubblicato il 24 04 2007 | Comments 0

398344_3372.jpg
Photo by Sandor Pinter

Ma continuiamo il nostro esame.

Buona lettura.Tratto da creativefengshsui

Che cosa vediamo dunque oggi?

In Italia le potenzialità  della bioedilizia iniziano ad essere chiaramente percepite anche dalle istituzioni, che stanno attivando, in diverse zone del paese, iniziative molto interessanti sotto il profilo della promozione di una architettura sostenibile.

Ma perchè?

Perchè ci stiamo avvicinando sempre di più ad una crisi energetica!

Il petrolio diminuisce e costa sempre di più, i terroristi ci mettono la loro parte, i consumi di energia pro capite aumentano continuamente, i costi di produzione e trasporto crescono come non mai, il nucleare è un casino, Putin non si sa se ci manda il gas, accidenti!€¦ è ovvio che si agisca con l’obiettivo di ridurre al massimo gli sprechi e che si cerchi di massimizzare l’efficienza di ogni macchinario, processo, costruzione. L’alternativa è il disordine sociale€¦provate a pensare che cosa potrebbe succedere se mancasse il gas a gennaio nelle grandi città .

Saremo veramente costretti ad utilizzare il sole, il mare, il vento: come in natura, ma guarda un po’!

Chi l’avrebbe mai detto€¦

Tutto questo è ovvio €“ ma andava fatto 70 anni fa. Stiamo facendo ora cià che sarebbe stato prudente e logico attuare 70 anni fa!!

(Mi sembra di essere Beppe Grillo€¦ dico cose ovvie e sembra che siano idee originali)

Dunque, quello che prima era un vezzo per pochi fortunati (la bioarchitettura appunto) diventa ora l’aurea regola di costruzione.

Tu uomo costruirai solo in bioarchitettura! Recita l’undicesimo comandamento€¦

Ora ci siamo buttati sull’eccesso opposto. Ormai ci sono le case passive! Non quelle che consumano poca energia per il riscaldamento, o quasi zero, e nemmeno zero! Ci sono quelle che ne producono (e si riscaldano lo stesso)!

Perchè ora noi non ci accontentiamo€¦ noi facciamo sul serio!

Ma l’inquinamento è una cosa naturale. Perchè vogliamo evitare l’inquinamento? Perchè vogliamo fare finta che non esista? Anche la volpe che fa i suoi bisogni €œinquina€ un poco. Ma questo €œinquinamento€ viene riassorbito dall’equilibrio naturale e trasformato anzi in nuovo nutrimento.

Ora, io mi chiedo: non era meglio iniziare a costruire nel secolo passato, inquinando pochino pochino, in modo che questo venisse riassorbito nel ciclo naturale, senza contraccolpi, piuttosto che trovarsi adesso con il 95% delle abitazioni assolutamente inadeguate, ed iniziare una corsa contro il tempo (persa in partenza€¦), sventolando il vessillo della bioarchitettura?

Forse era meglio attuare congiuntamente delle politiche energetiche, edilizie, urbanistiche più rispettose dell’ambiente e degli stessi uomini.

Su quanto è stato fatto negli ultimi 70 anni, esiste una responsabilità  collettiva dei progettisti ed architetti, delle istituzioni statali, condivisa con altre corporazioni, che non puà essere elusa. Non si puà fare finta di niente.

L’aspetto tragico delle scelte politiche di questo periodo, è che lo sfruttamento incondizionato dell’ambiente, sotto tutti i punti di vista, non è nemmeno stato a vantaggio dell’uomo. In questo caso, forse, sarebbe stato persino giustificabile.

Ma basta che ci guardiamo intorno: al giorno d’oggi, fronteggiamo crisi di mancanza d’acqua, siccità , inquinamento, disservizi della rete elettrica, difficoltà  nello smaltimento dei rifiuti€¦

Questo è il retaggio che ci è stato lasciato dagli ingegneri, architetti, progettisti, urbanisti, pianificatori dell’ultimo secolo. E da qui, da questo contesto, dovrebbero sorgere i bioarchitetti del futuro€¦?

Ora quindi la bioarchitettura tira molto, e vende. E infatti tutti ci si buttano sopra€¦ è l’affare del nuovo secolo!

Ma parliamoci chiaramente. La bioarchitettura non risolverà  davvero i problemi, semplicemente perchè non puà risolverli. I problemi infatti stanno a monte, nei comportamenti e nelle idee delle persone.

Quando è stata inventata la fossa settica, fantastico! Cosଠle fognature non saranno più necessarie, con conseguenti grandi risparmi. La fossa riceve, i batteri decompongono, l’acqua residua (pulita anche se ovviamente non potabile) viene lentamente assorbita nel terreno o scaricata.

Peccato che nessuno ha avvertito la popolazione che il funzionamento della fossa settica è basato su batteri vivi, e che i detersivi ed i prodotti chimici li uccidono, rendendo la fossa inutile.

Peccato che non sia stata fatta una legge per eliminare dal commercio i detersivi chimici e favorire quelli biologici.

Risultato? Le fosse non funzionano. Perà abbiamo un mucchio di gente che guadagna svuotando le fosse (che sono state concepite proprio per evitare questo!) e porta in giro la merda (scusate il termine tecnico).

Ben venga, quindi, la bioarchitettura, che perà puà essere davvero utile solo se contestualmente cambiano gli stili di vita, i tipi di consumo, l’organizzazione del lavoro e il valore che si dà  alle cose€¦

(1) Come ho già  fatto notare in altra sede, l’architettura attuale non crea veramente, semplicemente perchè non ha più gli strumenti per farlo. Si limita ad assorbire gli impulsi e le influenze del modo di sentire dominante, ed esprimerli manifestandoli fisicamente nell’ambiente.

L’urbanistica, le forme che usiamo, le abitazioni che vediamo sono espressione di archetipi e tendenze presenti nella società .

Cià che viene creato a sua volta influenza la sensazione collettiva, in bene o in male. Questo è uno dei principi fondamentali del Feng Shui: €œForm follow Chi, Chi follow Form€. Comprendere veramente questo segreto e saperlo applicare operativamente è uno dei traguardi più alti per un Maestro di Feng Shui. Richiede parecchi anni di lavoro personale.

Non è possibile veramente creare se non si conosce il Feng Shui (nella sua versione integra, non le semplificazioni moderne!), perchè il Feng Shui è il linguaggio della natura e del mondo. E noi viviamo nel mondo.

La responsabilità  del progettista sta proprio nel progettare passivamente, inconsapevolmente, non rendendosi conto che non sta creando un bel nulla, ma lui stesso è solo un mezzo attraverso cui alcune idee e opinioni collettive si manifestano fisicamente. Se fosse veramente creatore potrebbe opporsi, dirigere, controllare, modificare queste tendenze (questo facevano i grandi maestri nell’antichità ). Ma, come già  detto, non puà farlo, perchè gli manca la connessione con gli archetipi, e dunque diventa complice inconsapevole e strumento di queste stesse influenze.

Un esempio macroscopico del principio sopra citato è il seguente.

Tutte le civiltà , o i periodi storici, hanno espresso un loro stile (architettonico, artistico) omogeneo e caratteristico (si pensi ad esempio al Romanico, Gotico, etc.), nonostante la grande varietà  di rappresentanti dello stile.

Ogni rappresentante personalizza lo stile, ma nello stesso tempo non puà esimersi dall’esprimere alcune tematiche fondamentali, caratteristiche dello stile stesso.

Questo è il motivo dell’omogeneità  e della coerenza di uno stile. Se non fosse cosà¬, le espressioni personali sarebbero molto più variegate di quanto si riscontra in pratica.

Andando più in profondità , dalle caratteristiche basilari si possono ricavare gli archetipi di riferimento.

Chi conosce gli archetipi, puà tentare di plasmare, di guidare. Questo è stato fatto più volte in passato. Chi non li conosce, semplicemente ne subisce l’effetto, come un’arma: chi la sa usare la domina e la dirige verso gli altri; chi non sa come utilizzarla, puà solo subirne gli effetti o stare a guardare.



Condividi:

Nessun commento presente.

lascia un commento

Inserisci il codice di controllo *

Ecoitalia evolution s.r.l. Via Roma, 9 24020 Songavazzo BG PI 03781370162 CF 03781370162 Tel.3487919400 | [javascript protected email address] || privacy | credits
Twitter widget by Rimon Habib - BuddyPress Expert Developer