Lo specialista del pulito

“Mutageni ” Le parole dell’eco sostenibilità – abecedario – nei detersivi

pubblicato il 23 04 2012 | Comments 0

 

I mutageni sono degli agenti che causano come dice la parola stessa delle
mutazioni o delle alterazioni a carico del materiale genetico.

In alcuni casi, l’azione dei mutageni non ha alcun effetto negativo, in quanto
colpisce quella parte del DNA che non è attiva; infatti pur avendo ogni cellula
un corredo genico completo, una parte dei geni non svolgono alcuna funzione
effettiva, per cui non si manifestano conseguenze a carico della salute.
Ad esempio, se la mutazione colpisce il gene che regola la produzione
delle unghie presente in una cellula dello stomaco, sicuramente la salute
dell’individuo non ne risente in quanto quel gene è inattivo;
abbiamo quindi a che fare con una mutazione silente.

 
Tali agenti però possono anche danneggiare quell’insieme codificato di
informazioni che è presente in ogni cellula e che è responsabile dei vari
processi biochimici e della trasmissione dei caratteri ereditari, provocare
dei cambiamenti nella composizione chimica del DNA, o delle alterazioni del
riarrangiamento fisico di questa macromolecola oppure causare la fusione o la
perdita di interi cromosomi.

Ogni cellula possiede dei meccanismi interni che provvedono alla riparazione
del DNA e che permettono di correggere la maggior parte delle mutazioni
prima che possano arrecare un qualsiasi tipo di danno all’organismo. Se però
le mutazioni colpiscono proprio questi meccanismi, allora il numero delle stesse
che può subire il genoma di un individuo, aumenta enormemente.

L’esposizione agli agenti mutageni può, quindi determinare la comparsa di
difetti genetici ereditari e qualche volta può causare l’insorgenza dei tumori.
In effetti molti mutageni sono anche cancerogeni, per cui dal punto di vista
legislativo si preferisce regolamentarli allo stesso modo.

Come per le sostanze cancerogene, non è possibile attribuire ai mutageni un
valore limite di concentrazione sotto il quale vi è la garanzia assoluta di non
correre rischi, in quanto l’azione di queste sostanze può manifestarsi anche in
seguito ad una singola dose a bassissima concentrazione.

L’ideale è, quindi, abbandonare totalmente l’eventuale utilizzo dei mutageni
ed evitare assolutamente tutte le circostanze che possano comportare
l’esposizione a queste sostanze. Se questo non è possibile, bisogna almeno
fare in modo che l’esposizione si limiti ai livelli di concentrazione più bassi che
la moderna tecnologia permette.

L’Unione Europea per quanto riguarda la potenziale mutagenicità distingue le
sostanze in tre categorie: assegnando alla prima quelle sicuramente mutagene
per l’uomo; alla seconda quelle che devono essere assimilate ai mutageni
umani sulla base degli studi condotti sugli animali e alla terza quelle per le
quali gli studi hanno dato risultati preoccupanti, ma non sufficienti ad iscriverle
alla seconda categoria.

 

Copyright © 2012 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Nessun commento presente.

lascia un commento

Inserisci il codice di controllo *

Ecoitalia evolution s.r.l. Via Roma, 9 24020 Songavazzo BG PI 03781370162 CF 03781370162 Tel.3487919400 | [javascript protected email address] || privacy | credits
Twitter widget by Rimon Habib - BuddyPress Expert Developer