Lo specialista del pulito

Un nuovo modo di guardare al pulito rivolto a Professionisti, Privati ed Aziende

pubblicato il 12 07 2013 | Comments 0

 

Cosa fa Lo Specialista del Pulito e a chi si rivolge.

 

PROFESSIONISTI

Progettare ambienti prendendo in considerazione anche l’aspetto della facilità di pulizia, sia dal punto di vista di accessibilità che di strumenti e prodotti, capita che senza volerlo, ad opera finita, alcune parti risultino poco accessibili e che quindi richiedano molte energie anche a livello economico per poterle mantenere in uno stato decente.

Se calcoliamo la durata di un immobile potremmo valutare il risparmio che ne può derivare.

 

Lo specialista del pulito vi può dare la propria visione proprio in funzione di queste problematiche, potrete cosi offrire ai vostri clienti un servizio innovativo e di valore anche perché potrà essere preparato un vero e proprio manuale di manutenzione corretta dell’intero abitato.

 

PRIVATI

Lo specialista del pulito vi consiglia le attrezzature e i prodotti più giusti per la pulizia di casa vostra e ve li viene a spiegare a casa. Inoltre può monitorare le giuste operazioni di pulizia che avete affidato a terzi.

 

ATTIVITÀ

L’identificazione di un’attività passa anche da un buon impatto sotto l’aspetto della gestione del pulito, lo specialista vi affianca nella scelta dei prodotti ed attrezzature migliori sul mercato.

 

Vi può fare la programmazione dei vari interventi gestendoli direttamente oppure vi può fare semplicemente da controllore, monitorando il lavoro di altri.

 

Copyright © 2013 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Quando fa caldo ci lamentiamo, quando fa freddo ci lamentiamo e le stagioni non sono più quelle di una volta

pubblicato il 05 07 2013 | Comments 0

 

Io ho una regola che raramente transigo.Non guardo mai il telegiornale, questo mi aiuta a stare meglio e anche le temperature che si susseguono naturalmente, come succede da qualche migliaio di anni, le vivo in serenità.

Mi capita di sudare l’estate e avere un pò di male alla gola in inverno ma è naturale che sia cosi.

 

Quando fa molto freddo si usa riscaldare le nostre abitazioni attraverso il riscaldamento convenzionale o a pavimento mentre per le temperature alte si utilizza un climatizzatore rinfrescante, nelle versioni più evolute, anche riscaldante.

 

Questi sistemi dovrebbero essere mantenuti in perfetta efficienza e puliti con regolarità per garantirne il perfetto funzionamento e per evitare che diventino dei potenziali inquinanti dell’aria che respiriamo.Non c’è molta attenzione su questo argomento, infatti, mi capita di vedere questi apparecchi e scorgere una chiara trascuratezza a livello di igiene che danneggia anche l’effetto estetico.

 

Calcoliamo che quello che si vede è solo una piccolissima parte della realtà, soprattutto se parliamo di grandi impianti come possono essere quelli dei centri commerciali che sono per la maggior parte invisibili in quanto corrono alti al di sopra del soffitto:

Tanto per intenderci sono quei grossi tubi di color grigio chiaro che percorrono in lungo e in largo lo spazio che percorriamo quando, nelle giornate afose, andiamo a cercare un’oasi nel deserto.

 

Per mantenere puliti questi impianti bisognerebbe effettuare delle ispezioni periodiche con microtelecamere in grado di verificare l’eventuale accumulo di sporcizia sulle pareti e di conseguenza intervenire con la pulizia.

 

Da oggi più attenzione alla pulizia degli impianti che ci permettono di stare a una temperatura ideale per vivere bene.

 

Copyright © 2013 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Una rondine non fa primavera ma la primavera fa di certo la rondine

pubblicato il 10 05 2013 | Comments 0

 

Se ti capita di estraniarti un attimo e alzare lo sguardo al cielo, può capitare di vederle planare in stormi allineate a formare disegni improvvisi e fatui che ti chiedi come possono fare a volare, ad essere cosi agili e sfuggevoli.

 

Eppure a volte penso a come sarebbe bello volare come loro, alzarsi in uno spazio breve e tracciare una strada immaginaria e imprevedibile come quella del serpente sulla roccia, la prospettiva delle cose e del mondo cambia dall’alto, ti sembra di essere in un’ altro posto eppure sei solo nello stesso punto ma visto dall’alto.

 

La primavera è senza dubbio il periodo migliore per programmare delle pulizie di fondo in casa, aiutati e obbligati dalla luce che all’improvviso aumenta, si vede quello che fino a pochi giorni prima era quasi invisibile.

 

La polvere lieve sui mobili più alti ti sembra comparire all’improvviso, i vetri chiedono di essere puliti insieme agli infissi e si prepara il cambio della biancheria negli armadi, detto cosi mi è già passata la voglia ma mi voglio affidare al sistema che ritengo più utile per tutti.

Spesso e poco, prendersi dei tempi non troppo lunghi e sistemare o pulire quello che necessita seguendo delle priorità.

Ognuno di noi ha delle fisse, chi per i vetri, chi per i pavimenti, il bagno, le fughe, i capelli oppure le camice sempre perfette, insomma c’è da sbizzarrirsi, la pulizia oltre ad essere oggettiva è anche molto soggettiva e dipende dalla nostra sensibilità, quante volte mi è capitato di entrare in un bar o ristorante pieno di gente e verificarne la poca cura nel mantenerlo pulito.

 

Io mi chiedo sempre come sia possibile che la gente continui a frequentare dei locali sporchi o trascurati, non riesco proprio a capire, ma poi pensando ai bar pieni di gente dove ti servono i cornetti caldi, che fino a pochi secondi prima era surgelati, mi rendo conto che non c’è limite al peggio.

 

Intanto preparo la mia piuma di struzzo.

 

Copyright © 2013 Lo Specialista del Pulito

 

 



Condividi:

La Fornace Brioni che dal lontano 1883 produce il cotto fatto a mano che sono andato a prendere per la mia cantinetta.

pubblicato il 15 03 2013 | Comments 0

 

Nell’era della tecnologia avanzata che corre alla velocità della luce facendo balzi da giaguaro non si è ancora in grado, quando si scattano fotografie o si registrano filmati, di catturare i profumi nell’aria.

 

Pensate che bello sarebbe poter archiviare il profumo dell’aria dopo un temporale, il profumo della salsedine che ti invade quando, dopo un anno, raggiungi a piedi nudi correndo nella sabbia, la tua spiaggia preferita, oppure quel profumo di vegetazione mentre, da bambino, ti arrampichi sull’albero più alto dove hai costruito il tuo primo fortino, nascosto in mezzo ai rami pieni di foglie dalle quali ti fai proteggere.

 

Pensate come sarebbe bello registrare il profumo che scaturisce dall’intreccio amoroso con la vostra donna o con il vostro uomo, unico e quasi irripetibile perché deriva da voi due, in quel momento che si cristallizza nel tempo e quindi mai più riproducibile.

E che dire dell’erba appena falciata o della terra appena bagnata dal temporale, ma speriamo non ci si arrivi mai, voglio avere ancora il gusto dell’irripetibile, di quel momento che è come un grande contenitore dove sono immersi tutti gli elementi di ogni istante della nostra vita che lo rendono unico,  e solo in parte registrabile, infatti neanche il nostro stato d’animo è riproducibile.

 

Allora mi proietto in un posto dal sapore e dai profumi antichi, anche la luce mi pare antica, infatti il sole è sempre quello che illuminava dalla notte dei tempi, accompagnato da Alessio Brioni sono a Gonzaga, in provincia di Mantova, patria di una delle più note famiglie principesche d’Europa, i Gonzaga dove esiste una vecchia fornace nella quale si producono le mattonelle in terra cotta, proprio come si faceva una volta infatti è attiva dal lontano 1883.

 

Gli strumenti sono ancora primordiali perché non si possono sostituire, solo cosi si potrà ottenere una mattonella fatta a mano, pensate che serve solo terra e acqua come 3mila anni fa niente additivi, colori artificiali o altre porcherie, solo quello che ha creato la natura.

Vedendo questo fango ti viene voglia di immergerci le mani e di giocare come quando, da piccoli, si giocava con il pongo.

 

C’ è l’impastatrice, come quella che vi sara capitato di vedere nei panifici, quelli che usano mescolare ancora la farina con l’acqua per poi, dopo l’impasto e  lunga lievitazione fare un pane profumatissimo.Ma ne esistono ancora?

 

Anche il forno è indispensabile per l’asciugatura dei manufatti, è enorme, tipo monolocale dove i mattoni restano anche per più giorni a perdere l’umidità per diventare immortali.Si perchè poi da quando saranno posati sopravviveranno al posatore e al padrone di casa, cosi comi quelli che o preso per me e la mia cantina sopravviveranno a me stesso, ma anche questo mi piace, infatti il giorno che poi li ho fatti posare, dal piastrellista di fiducia ero li a pensare a chi  fra 100 anni appoggierà i suoi piedi dove, fin che ho avuto la forza per farlo, li o appoggiati io.

 

Sul pavimento la terra cotta, sulle pareti mensole in legno antico, nel senso che il mio falegname l’ha recuperato da demolizioni di vecchie abitazioni al mio paese, Parre in provincia di Bergamo, si perché io sono un montanaro con lo sguardo da cittadino 2.0.

 

Mi piace la polenta, le uova raccolte ancora calde e l’insalata la preferisco dal mio orto che curo in estate con fatica ma tanta soddisfazione perché vuoi mettere, il sapore è diverso, più buono, genuino e poi con tutta la fatica che ho fatto figurati con quale impegno me la condisco e mangio, con pane casareccio,  non lasciando nemmeno una fogliolina per la differenziata.

 

Copyright © 2013 Lo Specialista del Pulito

Immagini collegate:



Condividi:

Le emozioni che arrivano dal naso ci fanno stare bene o male, ci fanno scegliere un negozio od una attività piuttosto di un altra

pubblicato il 12 10 2012 | Comments 0

Louboutin

 

Avrei potuto semplicemente mostrarvi i contenitori delle essenze di cui vi voglio parlare, avrei potuto inebriare la vostra vista con una cascata di acqua cristallina, confesso di aver pensato ad una fotografia che mi ritraesse mentre, con il naso, catturavo il profumo di un quotidiano, ma sono andato oltre.

 

Affascinato dai tacchi alti mi sono buttato, tipo precipizio, sull’accessorio più desiderato dalle donne, a parte il prezzo, infatti quelle che vedete sono proprio uno dei modelli di Christian Louboutin.

 

L’immagine di oggi vuole essere, da un punto di vista della comunicazione, molto primordiale, per arrivare a parlare della profumazione dei nostri ambienti che molto spesso è trascurata, provate a pensare quando andate al ristorante o in un bar e dovete andare in bagno, il vostro stato d’animo cambia molto in base al profumo/odore che ci trovate e addirittura molti danno un giudizio generale di positività o non proprio influenzati da quello che il proprio naso ha percepito.

 

La percezione del pulito passa dalle narici e spesso non ce ne rendiamo conto, anche un ufficio giustamente profumato partecipa ad una migliore prestazione di chi ci lavora.

 

Detto questo però non pensate sia facile raggiungere il giusta grado di profumazione perché molto dipende dai prodotti che si usano, per esempio quelli che trovate comunemente in commercio, spesso risultano, al naso, fastidiosi per via delle materie prime che sono scadenti, inoltre conta molto il diffusore che utilizzate.

Il discorso sarebbe ancora lungo e lo riprenderemo.

 

Il profumo ci rende felici

 

Copyright © 2012 Lo Specialista del Pulito

 

 

 



Condividi:

“Whole Foods” Le parole dell’eco sostenibilità – abecedario –

pubblicato il 05 10 2012 | Comments 0

Foto di  Billy Alexander

 

La curiosità che è in me mi porta a parlavi di una catena di negozi americani che ho scoperto leggendo l’ultimo libro di Jovanotti, quello scritto con Franco Bolelli e che è nato dalle comunicazioni via mail durante le proprie esperienze quotidiane in giro per il mondo.

 

Il libro si intitola “Viva Tutto” e lo definirei genuino, quindi fa per me, ma veniamo al sodo.

Jovanotti, come altri italiani, è uno di quelli che per rigenerarsi e trovare nuove ispirazioni per la sua musica gira molto e soprattutto ama NY, proprio qui ha scoperto una catena di negozi che hanno puntato la produzione su alimenti genuini e soprattutto stravaganti come per esempio la prugna antinvecchiamento, caffè antimpoverimento oppure il fermento lattico antiammalamento per non parlare della proteina antistanchezza.

 

L’impostazione, tanto per intenderci, almeno nell’aspetto estetico, è un po quella che Oscar Farinetti ha dato alla propria creatura Eataly, luogo della genuinità e della salvaguardia del prodotto locale, almeno nell’intento iniziale.

 

Infatti anche lui ormai ha perso di vista la missione cui si era imposto svoltando anche su produzioni industriali anche perché i prodotti genuini e di nicchia, quelli fatti dalle mani dell’uomo, non possono diventare per tutti.

 

L’ultima volta che ci sono andato era a Torino e già si vedevano scaffali sospetti e cioè pieni zeppi di prodotti diversi fra loro ma fatti tutti nello stesso posto e dalla stessa azienda, il mio entusiasmo è calato e mi sono rifatto mangiando una pizza fatta con “farina biologica, tipo 1, di grano tenero, ottima per la produzione di pane e pizza, chiamata anche “buratto” (nome che deriva dal tipo di setaccio utilizzato), macinata a pietra naturale.

La macinazione a pietra lascia il prodotto “vivo” perché non viene surriscaldato e all’interno rimangono intatti gli oligominerali presenti naturalmente nel chicco del grano; questo procedimento fa sì che la farina sia più nutriente, più digeribile, profumata e gustosa”.

 

Copyright © 2012 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

In autunno le grandi pulizie in casa Facebook

pubblicato il 02 10 2012 | Comments 0

 

 

Quello che succede su internet di solito è già successo anche sulla terra ferma, di fumo negli occhi siamo abituati a prenderne tanto spesso senza accorgerci o solo perché non conosciamo a fondo un argomento, è il caso di parlare di un comportamento altamente scorretto che consiste nel acquistare i famosi “Mi piace” per Facebook e i “Like” su Twitter.

 

Se un cartellone pubblicitario appeso per strada o in una grande città venga poi visto da dieci o da diecimila persone difficilmente si poteva calcolare.Questo fatto era la grande forza di chi vendeva pubblicità perché il riscontro era debole e spesso aleatorio.

 

Da quando è nata la rete questo busillis si era risolto, cosi come avviene per le visioni dei video su Youtube, il pubblico, chiamiamolo cosi, è diventato magicamente controllabile attraverso il numero di visioni.

 

Visto che si sta parlando di interessi enormi molte società e personaggi famosi hanno pensato di “barare” e grazie a società, nate ad hoc, hanno pagato direi pochi soldi per creare un grande seguito che in realtà non esisteva.

 

Proprio in questi giorni Facebook, da poco quotata in borsa, ha deciso di fare pulizia di questi falsi apprezzamenti, decurtando decine di migliaia di “Mi piace” proprio a personaggi ed aziende famose, speriamo che anche Twitter segua la stessa direzione che rende un minimo di giustizia nei confronti di tutti noi che crediamo ancora ad una stretta di mano.

 

Copyright © 2012 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Lo Sporco nelle attività commerciali di ristorazione monitorate dai clienti

pubblicato il 15 09 2012 | Comments 1

 

Uno dei vantaggi che ha portato la tecnologia e in particolare l’utilizzo di internet, è quella di poter essere informati sulle esperienze altrui come quelle che derivano dai viaggi oppure semplicemente al ristorante o in pizzeria.

 

Premesso che su questo argomento si potrebbe aprire un dibattito, visto che su internet, come sulla terra ferma, ci sono tanti imbecilli, parlo di quelli che fanno commenti senza metterci la faccia, e pensano di essere intelligenti, senza parlare dei finti commenti acquistati per Facebook, Twitter e compagnia cantante, voglio pensare per un momento che siano tutti in buona fede.

 

Allora sono andato a vedere quando la gente si lamenta di ambienti sporchi e ho trovato delle cose interessanti, infatti generalmente il tema del pulito non è fra i più gettonati ma quando ci tocca da vicino diventiamo più sensibili e specialmente se ci dobbiamo mettere degli euri la cosa ci irrita.

 

Sulla rete esistono molti servizi che ci permettono di verificare la bontà di un esercizio pubblico e uno di quelli più conosciuti è proprio TripAdvisor, che non fa altro che mettere a disposizione della gente uno spazio gratuito per commentare le varie attività, soprattutto hotels e ristoranti.

Il titolare dell’esercizio ha la possibilità poi di ribattere se lo ritiene opportuno rispondendo direttamente al commento del proprio cliente.

 

Ma veniamo alla ricerca:

Ho inserito la parola “sporco” e quello che è venuto fuori lo potete leggere di seguito.

 

due menù su un tavolo sporco di vino: poca scelta…molto fritto e basta…ad ogni modo, essendo chiusa la cucina abbiamo preso i…

 

.. nulla di buono…. edificio fatiscente, sporco, poco illuminato, sembrava un condominio mal tenuto….. ma la sorpresa arriva quando…

 

volta rimango stupito per lo sporco e per il senso di poca cura che emana quel posto.. Sono stato alcune volte con degli amici a bere..

 

. era misto a quello dello sporco. La colazione è stata minima e l’ambiente della ristorazione piccolissimo , c’entravano si e no 3…

 

in bottiglia scaduta, un bicchiere sporco, una caraffa d’acqua di rubinetto con residui sul fondo alla modica cifra di 2 euro. Il piatto..

 

… ci accomodiamo. Il tavolo rimane sporco di briciole e macchie degli ospiti precedenti. Ordiniamo l’acqua e ci arrivano 2 bottigliette,…

 

… impressione di trascuratezza e di sporco. Al nostro arrivo siamo stati accolti dal proprietario (?) in modo molto freddo e sgarbato,…

 

… bar, ma stamattina era davvero sporco e malmesso, per niente accogliente e per niente rilassante. L’arredamento interno potrebbe…

 

Servizio pessimo, sporco vicino al bancone. Uscita dalla colazione avevo le scarpe piene di briciole…. Cappuccino praticamente solo…

 

… la mia ragazza tramite un coupon acquistato in internet. Ambiente vecchio, sporco (tovaglia). Una delle pizze peggiori che abbia mai…

 

Copyright © 2012 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Non sono vergine e non si vede

pubblicato il 06 07 2012 | Comments 0

 

Vivo in un territorio che da sempre impiegava un sacco di gente nel lavoro di produrre filo e derivati come per esempio coperte e tappeti, ma anche intimo.

 

Ormai da tempo la crisi ha costretto molti a chiudere ed altri, i più potenti, a trasferire la produzione in altri paesi.

Diversamente da quanto si potrebbe pensare, i segnali di quello che stava per accadere me li ricordo gia vent’anni fa, ma naturalmente quelli che avrebbero potuto fare qualcosa erano evidentemente impegnati a fare altro, e magari adesso fanno finta di interessarsi al territorio o ai lavoratori, ma questa è un’altra storia.

 

Sono partito da questo ragionamento perchè ho scoperto una piccola azienda americana che produce abbigliamento, jeans e magliette utilizzando le bottigliette di birra, naturalmente riciclate, addirittura per evitare di tingere, con prodotti coloranti spesso invasivi, i tessuti, usano il colore naturale della bottiglietta in base alle necessità.

 

Mi sembra una cosa molto curiosa ed intelligente considerato il fatto che una bottiglia di vetro ci impiega un milione di anni per disperdersi nell’ambiente, quindi per la produzione di questo abbigliamento si utilizza fibra di vetro al 25% e per il resto cotone.

 

Quello che ne deriva è un tessuto morbido al tatto e durevole.

L’azienda si chiama Cheeky e lo slogan che utilizza è proprio “NON SONO VERGINE”

 

Copyright © 2012 Lo Specialista del Pulito



Condividi:

Lo Specialista del pulito alla Bamboo di Bergamo

pubblicato il 15 07 2011 | Comments 1

Photo by web

 

Mi rimetto in macchina, guardo l’orologio e mi accorgo che sono passate quasi due ore, piacevoli e piene di sensazioni positive.

Non c’è niente da fare, quando si fa quello che piace il tempo vola, sembra che si restringa come fosse un fluido che in base al contenitore cambia lo spazio che occupa.

Infatti mi sono appena incontrato con dei “ragazzi”, Roberto, Stefano e Marco, architetti e designer della Bamboo, nel centro di Bergamo, stimolato dall’amico in comune, l’ ungulato, per la sua passione da praticante cacciatore e binocolatore.

 

Nel contesto ho voluto portare la mia visione del progetto che mi gira in testa come se fosse una sorta di sogno alla ricerca di Caronte.

Quando mi sono messo a pensare quale potesse essere il nome da dare a questa nuova figura ho voluto puntare esclusivamente all’utilizzo dell’ italiano, stanco delle definizioni preconfezionate e sempre uguali che ci circondano da ormai troppi anni.

Ero cosciente del fatto che la lingua italiana, non è “musicale” ma non me ne fregava nulla, il nome doveva scaturire da parole italiane, e cosi è stato.

Alla fine, dopo aver riempito la mente, fogli bianchi, il cellulare, il PC e il portatile di nomi possibili, è nato lo Specialistadelpulito.

continua »



Condividi:

Ecoitalia evolution s.r.l. Via Roma, 9 24020 Songavazzo BG PI 03781370162 CF 03781370162 Tel.3487919400 | [javascript protected email address] || privacy | credits
Twitter widget by Rimon Habib - BuddyPress Expert Developer