Lo specialista del pulito

La prima miniguida su come aprire un negozio di Detersivi Self-Service

pubblicato il 16 04 2010 | Comments 4

 

Sempre più gente cerca i detersivi distribuiti attraverso i Self-Service che sul territorio si stanno diffondendo quasi in maniera omogenea.

Da apri pista l’hanno fatto le grosse catene di distribuzione, mettendo nelle proprie corsie vicino agli altri detersivi anche il distributore appunto Self-Service che garantisce l’erogazione solo di alcuni prodotti in base alle spine disponibili.

 

Visto le richieste che continuano ad arrivarmi vi segnalo proprio la guida che ho preparato e che è disponibile all’interno dell’Ecoitalia Shop.

Tutti coloro i quali volessero sapere tutto ma proprio tutto sull’argomento possono cliccare all’indirizzo seguente e verranno proiettati direttamente nel mondo dei distributori di detergenti self-service.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi:

La prima Miniguida su come avviare un Self-Service di detersivi alla spina sta arrivando prenotala ora

pubblicato il 30 01 2010 | Comments 3

 

Mi sono immedesimato in ciascuno  di voi e ho posto delle  domande  utili per  capire qualcosa di più   su come avviare un  e poter sfruttare l’opportunità  con consapevolezza.

Ecco alcune di esse di cui troverete risposta nella prima mini-guida che ho deciso di preparare per tutti coloro che sapranno coglierne i vantaggi ma soprattutto per i fedeli lettori di questo blog.

Le domande che ho posto ai vari produttori:

1.  Cosa si fa per poter avere le vostre macchine(franchising, vendita, comodato)
2. Quali sono i detersivi erogabili
3. Un distributore tipo da cosa è composto
4. Il distributore è modulare o in blocco
5. Il distributore puà erogare anche bevande?
6. Ha bisogno di assistenza? Se si chi la fornisce?
7. Quanta garanzia sul distributore
8. I detersivi li fornite voi obbligatoriamente oppure uno si puà arrangiare
9. I detersivi hanno delle caratteristiche particolari, per esempio sono ecologici (certificati)
10. Metratura minima per poter istallare l’impianto
11. Ci vuole un magazzino
12. Investimento minimo per partire suddiviso fra macchina e detersivo
13. Sistemi di pagamento
14. Come avere tutte le certificazioni ed eventuali permessi speciali che dimostrano la bontà  dei vostri impianti.
15. Un business plan tipo
16. Tempi di consegna di tutto l’occorrente.

Un futuro alle porte

Self-Service di detersivi alla spina

 

La Miniguida sarà  disponibile  da Sabato 27 febbraio al prezzo di ‚¬ 19 ,00.

Chi vorrà  usufruire dell’attività  promozionale al prezzo di 10 ‚¬ lo potrà  fare entro il 26 febbraio.

Il giorno 27 tutti coloro che avranno prenotato riceveranno il testo completo direttamente al proprio indirizzo di posta elettronica.

Gli altri potranno acquistare la Miniguida a prezzo intero a partire dal 27 direttamente dal negozio di  Ecoitalia Shop.

 



Condividi:

Dal 30 Gennaio prima Mini guida su come aprire un negozio Self-Service di detersivi alla spina

pubblicato il 19 01 2010 | Comments 3

Photo by web

In un mondo che continua ad espandersi succhiando energia alla Terra che per colpa nostra è in continuo surriscaldamento è arrivato probabilmente il momento di fare qualcosa per rallentare o interrompere questo processo.

Uno dei metodi che abbiamo a disposizione è quello di consumare meno plastica e quindi meno petrolio, visto che deriva da li.

Decidere di mettersi a vendere detersivi alla spina significa mettersi sicuramente contro le grandi multinazionali che guadagnano un sacco di soldi con la confezione che serve a renderci il prodotto più accattivante e piacevole alla nostra vista.

Questo non significa affatto che sia impossibile da realizzarsi, molti lo stanno gia facendo con profitto organizzandosi in varie maniere.

Questa guida l’ho voluta creare proprio perchè le richieste arrivate sul blog sono sempre in ascesa e quindi ho pensato che fosse il momento di mettere insieme tutte le informazioni, i miei pensieri e deduzioni sul caso specifico che ho raccolto in quasi un anno.

Naturalmente tutti i costruttori o distributori del settore che vogliono trasmettermi le loro informazioni sul caso lo possono fare entro il 25 Gennaio e saranno inseriti nella guida.

La guida la trovate QUI



Condividi:

Detersivi Self-Service (Sara si racconta)

pubblicato il 09 10 2008 | Comments 69

 

Ricevo e pubblico da Sara, una breve ma significativa mail che porta la propria esperienza visto che ha avviato un’attività  di distribuzione detersivi self-service in maniera semplice ed efficace, in modo che qualcuno di voi possa prenderne spunto.

 

Buongiorno, scrivo da Salerno e da un anno ho un’attività  di detersivi, da poco ho avviato questa distribuzione sfusa di detersivi alla spina, devo dire che sto avendo un ottimo riscontro e la migliore pubblicità  è come sempre la clientela. Per il momento ho solo i 6 prodotti primari che si usano in casa, e mi sto attrezzando per mettere tutto il resto. L’iniziativa del detersivo sfuso è davvero ottima considerando il risparmio di plastica e prezzo, per chi è intenzionato non abbandoni l’idea. Buona giornata, Sara………..

 

Ciao Luca, come ben hai letto io scrivo da Salerno, e prima di organizzarmi a pieno con i distributori, sono partita con il detersivo sfuso in modo ben diverso da cià che s’immagina, ti spiego meglio: la scetticità  delle persone è tanta, e questo passo me ne ha dato dimostrazione. Ho voluto mettere agli occhi della gente il detersivo sfuso cosଠcome si presenta, in modo che le persone prima di provarlo, ne possano vedere la consistenza e sentirne l’odore, ciò sta a significare che i miei “distributori” sono aperti, aperti nel senso che sono dei recipienti trasparenti con tappo alzabile.

 

Ti dico questo perchè appena li ho messi, è stato duro farli conoscere, la mia clientela si chiedeva sul primo punto come mai i prezzi erano cosଠbassi al rispetto di quelli in commercio, e questa è stata già  la prima prova di scetticità , vai a spiegare i tanti passaggi eliminati come per prima cosa comperare ogni volta il flacone di plastica. Secondo: immagina che una mia cliente dubitava che fossero addirittura prodotti cinesi. E’ stata dura ma piano piano sono riuscita ad inserirli. Mi sono organizzata cosà¬: 6 recipienti da 100 lt di quelli trasparenti, con rubinetto in plastica perchè quelli in metallo rovinano il detersivo( il detersivo corrode il ferro e via via si rovina), con coperchio che si apre, bottiglie da 1 lt e taniche da 5 lt, etichette per i rispettivi prodotti, sono 6 recipienti xchè per iniziare ho messo i 6 prodotti primari che si usano in casa: lavapiatti, sgrassatore, lavapavimenti, candeggina, liquido lavatrice, ammorbidente.

 

Credimi, se fossi partita con distributori chiusi, non sarei riuscita a farli conoscere, ti parlo della mia zona. In ogni modo, credo che cmq sia la migliore cosa considerando ormai il mercato com’è diventato, le persone sono scettiche con tutti questi prodotti cinesi, non si fidano…più in là  penserà se ne vale la pena di chiuderli, ma la clientela è la migliore pubblicità  e per il momento restano cosଅagli occhi delle persone. Chi mi fornisce è una fabbrica che produce detersivi da anni, qui a Salerno per adesso che io sappia siamo in 2 perchè ci forniamo dallo stesso rivenditore.
A breve nascerà  il mio sito dove potranno avere tutte le informazioni possibili.
Sicura di esserti stata di aiuto, ti saluto e se hai altre domande scrivimi, ciao a presto.



Condividi:

Ecoitalia evolution s.r.l. Via Roma, 9 24020 Songavazzo BG PI 03781370162 CF 03781370162 Tel.3487919400 | [javascript protected email address] || privacy | credits
Twitter widget by Rimon Habib - BuddyPress Expert Developer